Torna Su Torna Su
 
Il Patrimonio Bibliografico

Fondo antico

Il Fondo antico raccoglie circa 120 edizioni, alcune delle quali opere in più volumi, stampate in Italia (Firenze, Genova, Livorno, Lucca, Milano, Napoli, Padova, Palermo, Pisa, Prato, Roma, Siena, Torino, Venezia) e all’estero (Amburgo, Amsterdam, Basilea, Bruxelles, Colonia, Francoforte, Ginevra, Lione, Londra, Oxford, Parigi, Strasburgo) tra i secoli XVI e XIX, che non sono inserite in altri fondi speciali. La collezione si è costituita sia tramite doni sia tramite acquisti e si compone di opere di vari ambiti disciplinari (letteratura, filologia, arte, archeologia, filosofia, religione, giurisprudenza, storia). Numerosi volumi della raccolta presentano materiale illustrativo di pregio e gran parte degli esemplari conserva legature coeve originali e segni di provenienza (ex libris, note manoscritte, timbri).

Consultazione, preferibilmente su appuntamento, presso l’Ufficio catalogazione di Filosofia-Scienze sociali e Libro antico, esibendo un documento d’identità e compilando un’apposita scheda di consultazione.

Orario: lun.-ven. 9.00-15.00.

Le riproduzioni (scansioni, riproduzioni fotografiche) e l’utilizzo di immagini tratte dagli esemplari del Fondo antico dovranno essere autorizzati dalla Biblioteca.


Fondo rari

Il Fondo rari è costituito da circa 1000 edizioni. La collezione comprende numerose rarità bibliografiche dei secoli XIX e XX, libri illustrati di pregio, ristampe anastatiche, esemplari postillati da illustri personalità della cultura dell’800 e del ‘900. Il Fondo è composto soprattutto da testi di argomento filologico-letterario, ma contiene anche opere relative alle arti, filosofiche, religiose, politiche, giuridiche, storiche e scientifiche.

Consultazione presso postazioni utenti della Consulenza bibliografica, negli orari in cui è effettuato il servizio di Consulenza bibliografica, esibendo un documento d’identità e compilando un’apposita scheda di consultazione.

Orario: lun.-ven. 10.00-13.00; 15.00-18.00.

Le riproduzioni (scansioni, riproduzioni fotografiche) e l’utilizzo di immagini tratte dagli esemplari del Fondo rari dovranno essere autorizzati dalla Biblioteca.


Fondi speciali

Il patrimonio della Biblioteca comprende alcuni fondi bibliografici di notevole interesse appartenuti a personalità di rilievo in ambito culturale, che ben documentano, anche attraverso i segni d’uso presenti sui libri (dediche, sottolineature, segni d’attenzione, marginalia), i percorsi di ricerca, gli interessi culturali e la rete delle relazioni umane degli studiosi che li hanno costituiti. Alcuni di questi fondi sono collocati in Biblioteca in maniera unitaria, altri sono distribuiti nei vari settori disciplinari in cui è organizzato il resto del patrimonio librario. Questi fondi contengono talvolta miscellanee di estratti ed opuscoli.

I principali sono:
fondo Angelini; fondo Bianchi Bandinelli; fondo Calza; fondo Carandini; fondo Carli; fondo Corrieri; fondo Crispolti; fondo De André; fondo Della Bianca; fondo Detti; fondo Fagioli; fondo Flores; fondo Fortini; fondo Francovich; fondo Fubini; fondo Giannelli; fondo Istituto Gramsci; fondo Kurze (conservato presso la sede di Grosseto); fondo Mazzone; fondo Parronchi; fondo Pertini; fondo Placido; fondo Raicich; fondo Scardigli.

Consultazione: per i volumi collocati nei settori a scaffale aperto della Biblioteca libera consultazione durante l'orario di apertura della Biblioteca; per i fondi Della Bianca, Pertini, Fortini tramite richiesta alla responsabile della Sezione Archivi (orario: lun.-ven. 10.00-16.00), esibendo un documento d’identità e compilando un’apposita scheda di consultazione; per gli altri fondi tramite richiesta agli operatori della Consulenza bibliografica, negli orari in cui è effettuato il servizio (lun.-ven. 10.00-13.00; 15.00-18.00), esibendo un documento d’identità e compilando un’apposita scheda di consultazione.